Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\sx.jpg

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\titolo.jpg

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\dx.jpg

STORIA DELLA PRIMA REPUBBLICA ITALIANA

UN DISSIDENTE

UN PATRIOTA

UN CITTADINO ITALIANO

Il sottoscritto Russo Franco nato a Taranto giovedì 01-03-1945, scrive la propria dissidenza verso la prima Repubblica Italiana, perché la Costituzione Italiana enuncia per scritto la Carta dei Diritti dell’Uomo e demanda la Sovranità Popolare al Potere Partitocratico, Potere Inquisitorio, Potere Economico Speculativo Finanziario, Potere Disinformativo, trasformatosi in un Regime Anarcofascista.

Il sottoscritto Russo Franco come Dissidente e Patriota assume la responsabilità di spiegarne le ragioni, scrivendo una proposta di Democrazia Rappresentativa, Partecipativa  e Cogestione, Istituzionale, Sociale ed Economica dello Stato Italiano e Stati Europei, per dopo proporre con un referendum, un periodo costituente di quattro anni, necessari per scrivere la nuova Costituzione della seconda Repubblica Italiana, che garantisca nella pratica quotidiana, ai Cittadini-e Italiani-e, Stranieri-e, la Carta dei Diritti dell’Uomo e Sovranità Popolare sullo Stato Italiano.  

La Storia degl'Esseri Umani è stata quattro mila anni di schiavitù, sottomessi con la violenza o morte da Uomini assurti al potere di Sovranità e Governo di Popoli e Terre, lasciati nell'ignoranza e costringendoli nei pochi anni d'aspettativa di vita a preparare e fare guerre di conquista razziando, distruggendo e ricostruendo.

Negl'ultimi 200 anni alcuni Scienziati e Ricercatori hanno applicato le scoperte della carta, scrittura stampata e comunicazioni a distanza, consentendo l'inizio della liberazione dalla schiavitù degl'Esseri Umani, con l'emancipazione culturale e didattica d'insegnamento professionale al lavoro, reddito mensile e pensione alla vecchiaia, con prolungamento degl'anni di vita.

I Diritti Civili sono ancora negati da dittature di potere Partitico Ideologico e Partitico Religioso, che con ideologie e fondamentalisti di costumi sociali, detengono o conquistano con la violenza omicida e guerre il Potere dei Governi delle Nazioni.

Nei primi anni del 1900 dopo il periodo monarchico medioevale, i Popoli Europei affidavano i proprio interessi vitali ai rappresentanti delle prime formazioni dei Partiti, che considerando il Popolo impreparato, debole, indifeso e da guidare, n’ottenevano consenso plebiscitario rivoluzionario, i quali trovano un nemico da combattere e causa dell’ingiustizia sociale, come la Monarchia, Capitalismo, Ebraismo e sulla base delle ideologie di Marx ed Engel, divisero l’Europa in due Blocchi di Paesi satelliti, l’Europa dell’Est Comunista, l’altra l’Europa dell’Ovest Nazifascista, usando una ferocia disumana per eliminare fisicamente gli oppositori al loro regime, sfociando con due Guerre Mondiale repentine la prima del 1915-18 e la seconda del 1935-45, con altra ferocia disumana con la morte di milioni d’Esseri Umani.

Gli Stati Uniti d’America che posero fine alla seconda guerra mondiale nell’Europa Occidentale, impose il loro sistema Partitocratico, con due Coalizioni di Partiti, con il voto popolare di consenso sulle promesse politiche programmatiche di diverse ideologie e interessi.

La Russia di Regime Sovietico Comunista, che vinse anch’essa la guerra, impose l’annessione strategica delle Nazioni dell’Est Europeo creando l’Unione Sovietica.

In Italia con la caduta del Regime Fascista e della Monarchia, nasceva la Costituzione della Prima Repubblica Italiana, consentiva la libertà pluralista ideologo politico dei Partiti per il Governo del Paese.

I Partiti di Sinistra, con il Partito Comunista e Partito Socialista predominavano al punto da proseguire una guerra civile strisciante non dichiarata, che distrusse quasi tutto il Sistema Industriale Italiano privato, per dopo pentirsi alla privatizzazione, per arrivare al potere del Governo del Nostro Paese.

Oggi con la scomparsa delle ideologie, abbiamo Partiti Aziende di lobby Economiche, senza una proposta alternativa chiara di un nuovo Sistema Politico, Sociale ed Economico, con il risultato che da anni abbiano un Regime Anarcofascista, con il mancato rispetto della Costituzione Italiana, che sono i principi fondamentali solo enunciati della vita sociale ed economica del Nostro Paese.

Art. 1 – L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

 La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione, con inderogabile principio di solidarietà politica, sociale ed economia,

La Partitocrazia Italiana, essendo venute meno le motivazioni ideologiche, per finanziarsi e perpetuare ed usurpare la Sovranità Popolare, trova un accordo con il Sistema Finanziario Bancario speculativo e distruggendo prima il Sistema Industriale Italiano, che creava occupazione, producendo con spazi commerciali del Made in Italy, dopo mette alle dipendenze di ricatto e favoritismi retributivi i Giornalisti, che hanno le case editrici con bilanci in rosso o deficit, mentre tolgono ai Cittadini Italiani i diritti acquisiti, come la scala mobile, contratti di lavoro a tempo indeterminato.

Le Partitocrazie Europee sanciscono un nuovo accordo a Maastricht di potere tra le Partitocrazie Europee, le Banche private Europee e Fondo Monetario Internazionale, motivandolo alle oscillazioni speculative del valore delle Monete Europee, creando la moneta unica europea EURO e la Banca Centrale Europea B.C.E, chiedendo parametri di spesa pubblica, che non superi del 3% del Prodotto Interno Lordo PIL per dare stabilità e parità di scambio tra Euro e Dollaro degli Stati Uniti, lo Yen Giapponese e cambio nell'area Araba del Petrodollaro.  per consentire l'esigibilità dei debiti e relativi interessi passivi maturati dei BOT e CCT emessi dai vari Stati Nazionali Europei.

Le Partitocrazie Europee senza lungimiranza nell'accordo di Maastricht, sul parametro di spesa pubblica del 3% del Prodotto Interno Lordo PIL, con la nascita della moneta unica Euro e B.C.E. Banca Centrale Europea, perché l'ammontare valutario delle vecchie monete europee è rimasto uguale, tra le Nazioni Europee, per cui la Germania e la Francia avendo un numero maggiore del totale di monete euro, le investivano acquistando titoli di BOT e CCT delle altre Nazioni Europee, con meno ammontare valore monetario, ma una moneta unica con unico valore, accentua la crisi economica, perché riduce la concorrenza basata sul diverso valore delle monete, con conseguente impossibilità esigibilità degl'interessi maturati sui BOT e CCT delle altre Nazioni Europee.

Le Partitocrazie Europee che hanno voluto la moneta unica europea Euro contro le speculazioni, oggi alcune Nazioni Europee specula, mettendo maggiormente in crisi Monetaria ed Economica le altre Nazioni Europee.

La Partitocrazia Italiana ed Europee perdono la spinta ideologica di consenso elettorale, ma perde anche la capacità strategica di potere politico, perché il potere politico di spesa è demandato alla Finanza Bancaria Speculativa e Fondo Monetario Internazionale.

Le privatizzazione delle Attività Economiche dello Stato Italiano sono usate per mascherare il passaggio di proprietà alle Banche Private Italiane ed Europee e come maggiori azioniste dei Gestori Servizi, gas, elettricità, autostrade, poste, telecomunicazioni, aeroporti, ferrovie, assicurazioni, ottenere l'esegibilità dei debiti primari ed interessi, inoltre con repentino abbassamento del valore dei titoli quotati in Borsa a danno dei piccoli risparmiatori, per dopo aumentare le tariffe in modo incontrollato e relativi prodotti di consumo, creando le condizioni di un sistema economico recessivo irreversibile.

Allo Stato Italiano resta una spesa di Bilancio Pubblico diventata incontrollabile, coperta solo in parte dal prelievo fiscale interno, con continuo esborso per importazione delle materie prime, per petrolio, gas, inoltre importiamo prodotti alimentari e consumo a bassissimo costo, che satura nei quantitativi tutto il mercato interno, senza possibilità di una crescita economica interna del Made in Italy all'esportazione, anche per il dimezzamento del potere d’acquisto delle retribuzioni dei Cittadini Italiani.

Oggi dopo 60 anni, abbiamo 30 milioni di persone indigenti, significa Famiglie monoreddito, ghetti per Giovani Italiani senza futuro, Lavoro Precario, Matrimoni precari, Disoccupati, Tossicodipendenti ed Alcolisti di qualsiasi età, Invalidi civili, Pensioni al minimo, Pensioni sociali.

Questo dopo 60 anni è presentato come Democrazia Politica, Sociale ed Economica, senza reale numero di percentuale di votanti e consenso elettorale, privando della Libertà i Cittadini Italiani costretti a votare i Padroni dei Partiti, che perpetuano il “Regime Anarcofascista” con un sistema di Potere Partitocratico, Potere Inquisitorio, Potere Economico Speculativo Finanziario, Potere Disinformativo, che si autogoverna, autogiudica, autopremia, assumendo le massime cariche Istituzionali Italiane, dopo aver portato al disastro Sociale ed Economico il Nostro Meraviglioso Paese.

RICOSTRUZIONE STORICA DELLA PRIMA REPUBBLICA ITALIANA

·        L’Italia della ricostruzione dal 1945 sino al 1970 era un proliferare d’Industrie che creavano posti di lavoro ed esportavano all’estero, con un Commercio Nazionale del 90% Made in Italy.

·        L’ingresso nel Governo del Paese del Partito Socialista ed il monopolio dell’opposizione al Partito Comunista, hanno creato un processo degenerativo del sistema Politico Economico del Nostro Paese, per garantirsi il consenso Partitico, prelevarono un patrimonio dal fondo Pensionistico Nazionale INPS pari a 50 mila miliardi di lire ed emissioni di Stato di BOT e CCT, per la creazione della Cassa del Mezzogiorno ed IRI di ricostruzione Industrie indebitando lo Stato Italiano, creando una concorrenza sleale Interna ed Estera nei confronti dell’Industria privata Italiana, mentre il Partito Comunista Italiano all’opposizione tramite i Sindacati Comunisti usavano la rivendicazione retributiva, con scioperi dove dicevano Padroni sfruttatori se non siete in grado di mandare avanti le aziende chiudete.

·        Il periodo del 1968 è stata una rivolta, senza un progetto generale di riforme delle Istituzioni, Sociale ed Economica, con il solo scopo della chiusura delle Industrie Italiane, il motivo era ridurre l’influenza politica economica elettorale dell’Unione Industriali ed aumentare il potere Partitocratico personale delle Sinistre nel Parlamento Italiano.

 

·        Le Brigate rosse e Ordine nuovo, erano una costola ideologica, intimidatoria ed omicida dei Partiti di destra e sinistra, dimostrato che allora non c’era la crisi sociale ed economica come quell’attuale, perciò usati per stabilizzare il regime, inteso nel modo di perpetuare le candidature ed elargire favoritismi di potere, retributivi, fiscali ed impunità e passare tutto sotto il controllo della Partitocrazia Italiana ed Europea.

 

·        Gl’attentati di Piazza Fontana, di Brescia, alla Stazione di Bologna, i ferimenti e le morti, come quella dell’On. Aldo Moro, sono la dimostrazione dello insegnamento ideologico della Partitocrazia Italiana e Mondiale che il potere politico si conquista con il crimine e l’omicidio, con gli stessi metodi delle organizzazioni criminose ammantate da ideologie, per il modo di candidarsi e perpetuare il potere politico è stata uccisa la Giustizia e Libertà, sostituita con un Regime Partitocratico Anarcofascista.

 

·        Occorre ricordare ai Padroni di Partito, che i Parlamentari devono essere un esempio di professionalità, di moralità e onestà personale, mentre chi commette omicidio, per un motivo futile ideologico è scarcerato anzitempo, per candidarlo e farlo eleggere al Parlamento Italiano, come ex terroristi omicidi o corruttori truffatori, significa che erano avanguardie occulte d’intimidazione di stabilizzazione dell’attuale regime Partitocratico Anarcofascista.

 

·        Nel 1990-1992 la Coalizione di Centro sinistra di Democristiani e Socialisti, che ottiene largo consenso elettorale in Sicilia tramite l’appoggio dei voti controllati dalla mafia è determinante al Governo del Paese da 32 anni, entrava in conflitto con il Potere Giudiziario con gli attentati stragisti della mafia contro i Commissari Antimafia e Magistrati dello Stato Italiano dott. Giovanni Falcone e dott. Paolo Borsellino, che intendevano rompere il legame della nuova narcomafia, che finanziava e concedeva voti per la perpetuazione del Potere della Coalizione di Governo Democristiani e Socialisti, per cui destituita ed esautorata per via giudiziaria.

 

·        Le Grandi Industrie Italiane hanno anche le loro colpe, in quanto l’Unione Industriali, era solo nominale, unita solo nei periodi di scadenza dei contratti di categoria industriale dei lavoratori, dopo avvenivano delle vere lotte intestine nelle rispettive categorie di produzione e commerciale, per la conquista del mercato commerciale, per cui all’interno di una Grande Azienda, poteva essere assunto un manager delle vendite che millantava credito, ma incapace oppure venduto alla concorrenza, un Amministratore delegato, che eliminava Dirigenti Capaci ed aumentava la spesa per investimenti senza profitto venduto alla concorrenza, oppure per motivi azionari, non erano, programmati investimenti, per dopo acquisire azioni e spesso senza riuscire al rilanciare l’industria.

 

·        Le Grandi Industrie erano in guerra reale, quando una entrava in crisi, dicevano meglio avremo maggiore produzione e mercato commerciale, ma questa divisione e stata la vera debolezza della Unione Industriali, entrate nelle mani delle Banche Nazionali che dismettendo unilateralmente gli affidamenti finanziari e negl’appetiti Giudiziari dei Curatori e Giudici fallimentari dei Tribunali Italiani.

 

·        Nel 1990 il Partito Comunista cambia nome con Partito Democratico delle Sinistra per entrare nel Governo del Paese ed accettare le condizioni del Fondo Monetario Internazionale ed anche delle Banche private Italiane maggiori creditrici nei confronti delle Stato Italiano e per concedere altro credito valutario di Spesa Pubblica, tutta la Partitocrazia Italiana elegge a Presidente della Repubblica Italiana un ex Presidente della Banca d'Italia.

 

·        La Partitocrazia Italiana mentre indebitava lo Stato Italiano ed i Cittadini Italiani, ha ceduto a quote la Banca d'Italia, per mancata esigibilità dei BOT e CCT alle Banche creditrici private Nazionali, dimostrato l'accordo dalla cessione di potere, ottenendo le Banche Private Nazionali ed Estere, l'abolizione della scala mobile, dopo mascherata come privatizzazione hanno ottenuto un passaggio di proprietà come maggiori azionisti dell'Aziende di Stato, erogatori di gas, elettricità, acqua, poste e telefonia, trasporti ferroviari, autostrade, aeroporti.

 

·        La Partitocrazia Italiana Anarcofascista con le menti vendute degl'Economisti Italiani e Americani pubblicizzava che la privatizzazione avrebbe reso efficienti, concorrenziali ed economici la Gestione dei Servizi e dell' Energia, senza un piano innovativo energetico, il risultato finale, raddoppio delle tariffe e costante aumento delle bollette, costo del denaro, con conseguente dimezzamento del potere d'acquisto delle retribuzioni, per cui i Cittadini Italiani hanno perso la Sovranità Popolare sullo Stato Italiano Sovrano.

 

·        Nel periodo 1990 e 2000 avviene l’ultima mattanza delle Industrie, con chiusura delle linee di credito Bancarie in modo unilaterale e favorita dal sistema legislativo fiscale aliquote al 51%, con l’aiuto di leggi fallimentari da rapina nei Tribunali Fallimentari, con l’aiuto del Potere Giudiziario dei Pretori del Lavoro, che consideravano unici colpevoli gl’Imprenditori ed Artigiani, nasceva evidente un’alleanza strategica tra il Potere Partitocratico, Potere Giudiziario e Potere Economico Finanziario speculativo, che riducendo drasticamente gl’interessi sui depositi.

 

·        Molti medi e piccoli risparmiatori investirono sui titoli industriali quotati in Borsa delle Aziende di Stato privatizzate, del gas, elettrica, poste e telefoniche, trasporti, risultato perdita delle quotazioni dei Titoli di Borsa e dei risparmi dei medi e piccoli risparmiatori, inoltre il raddoppio delle tariffe delle bollette, senza nessun’informazione del Potere della Disinformazione sotto ricatto e condizionata dai Padroni dal Potere Economico Industriale Finanziario, che con i titoli quotati in Borsa, finanzia le radiotelevisioni e carta stampata commissionando la Pubblicità, che una legge del Potere Partitocratrico, consente di defiscalizzare entro l’anno di fatturazione.

 

·        Questa strategia economica suicida della Partitocrazia di Sinistra, decisa anche dalle menti vendute dei cosiddetti Economisti Nazionali ed Americani, è stato il primo passo grave all’attuale crisi recessiva irreversibile Sociale ed Economico del Nostro Paese, aggravata ulteriormente dalla Banche private dei 12 Paesi Europei, chiedono maggiori garanzie da parte delle Partitocrazie Europee, con un accordo sancito a Maastricht, con parametri di spesa pubblica, che non superi del 3% il PIL e con una Moneta Unica Europea Euro e Banca privata della Comunitaria Europea. B.C.E, per impedire speculazioni sulle Monete Europee e dare stabilità e parità di scambio tra Euro e Dollaro degli Stati Uniti, lo Yen Giapponese e cambio nellarea Araba del Petrodollaro.

 

·        La Partitocrazia di sinistra e destra, mentre è capace di controllare il mantenimento dei favoritismi retributivi, legislativi e fiscali, delle Attività Economiche dei Sevizi e Industriali, come lobby di riferimento nel Parlamento Italiano e perpetuare il loro Potere Personale, non era capace di creare forme di controllo sui prezzi al consumo, nel cambio della moneta la Lira all’Euro, dimostrano lulteriore incapacità di Governo del Nostro Paese, con lindifferenza e disinteresse,  risultato finale i prezzi al consumo incontrollati sono raddoppiati, con potere d’acquisto dimezzato delle retribuzioni nei confronti dei Cittadini Italiani, che lISTAT non ha saputo e voluto calcolare, dimostrando che i contratti rivendicativi sono usati solo per ottenere il quorum e consenso elettorale.

 

·        Il sistema Sociale ed Economico Italiano ed Europeo, subisce altri terremoti, il crollo del sistema Partitocratico Comunista dell’Unione Sovietica, Globalizzazione dei Mercati, immigrazione incontrollata, importazione dei prodotti a bassissimo costo dei Paesi Asiatici, questo significa lavoro nero, precario, evasione fiscale diffusa, delocalizzazione totale o parziale produttiva dell’Industria Italiana ed Europea, e perdita del mercato Commerciale Nazionale del Made in Italy

 

·        I Partiti Italiani dopo 60 anni sono divenuti luoghi di potere Oligarchico Fascista, strutturati come Partiti Aziende Private, i cui titolari sono coloro che raccolgono le risorse economiche che consente di pagare le spese delle sedi di sezione e retribuzioni dei dipendenti dei Partiti o per anticipare le spese pubblicitarie per la propaganda elettorale.

 

·        Le candidature ed elezioni all’interno dei Partiti Italiani, i Delegati sono i Dipendenti delle Sezioni o Dirigenti delle Istituzioni o dell’Economia, che hanno ottenuto il contratto d’assunzione, avuto favoritismi economici e fiscali o Dipendenti che pensano che le retribuzioni Statali Istituzionali siano erogati per concessione del Potere Partitocratico Italiano.

 

·        Questo consente secondo uno statuto interno di ricandidarsi indefinitivamente di passare l'eredità del Partito da padre in figlio e decidere le candidature, divenendo oligarchici Padroni del Partito, inoltre l'aspetto dittatoriale consiste nel definire i nomi dei candidati primi di lista, senza la libertà del voto di preferenza sulla scheda elettorale, inoltre gli scrutatori e redattori dei verbali dei risultati elettorali sono i dipendenti dei Partiti, ai Cittadini Italiani ed Europei resta l'obbligo di votarli, senza la reale certezza del quorum dei numero di votanti, perché nessuno controlla come vengono redatti i verbali, se corrispondono alla reale percentuale delle schede dei votanti e dei voti assegnati ai vari Partiti, perciò senza la certezza della legittimazione popolare al Governo del Paese, perché un Partito a livello Nazionale non supera il 20% per decidere dittatorialmente le sorti Sociali ed Economiche e della Sovranità dello Stato Italiano, perché dopo il voto i Cittadini Italiani diventano o invisibili o stranieri nella Nostra Patria.

 

·        I Parlamentari sono o sudditi o consenzienti delle oligarchie Padrone dei Partiti, che hanno il potere delle loro candidature nel Parlamento, Senato Italiano e Parlamento Europeo o riciclati nelle Aziende Pubbliche, perché devono rappresentare le lobby dei gruppi economici che finanziano i Partiti Azienda, approvando le leggi definite riforme, che non modificano l’assetto Sociale ed Economico, ma hanno creato Poteri Istituzionali e condizioni di recessione e declino del Nostro Paese.

 

·        La Partitocrazia Italiana di sinistra e destra il Federalismo delle nuove competenze alle Regioni, Province e Comuni, gli Assessorati sono diventati i nuovi esattori di balzelli di seconda tassazione Nazionale, con incontrollabile Spesa Pubblica locale, usata per ottenere consenso Partitico elettorale locale, creando presupposti di arretratezza sociale e economica tra le varie Regioni con rischi gravi di separatismo strisciante esistente.

 

·        I Partiti Azienda delle due Coalizioni di Destra e Sinistra, consolidano il loro potere con le due Aziende Nazionali Radiotelevisive, la Rai di fatto proprietaria la Partitocrazia di Sinistra, con il pagamento del canone dei Cittadini Italiani, amministrata da un esponente della Direzione del Partito Democratico della sinistra e Mediaset di proprietà privata del Partito di Forza Italia di destra.

 

·        I Padroni delle due Coalizioni di Partiti, con il nepotismo, che significa l’assunzione nelle Reti Radiotelevisive Rai e Mediaset, Quotidiani e Riviste, dei figli, sorelle e fratelli, nipoti, cognati e cognate, suocere e nuore, amici di Partito, garantendosi anche la sistemazione futura della propria famiglia, come fosse una proprietà privata.

 

·        I Giornali e Riviste politiche a tiratura regionale e nazionale, sono finanziate dalla Stato Italiano, per una legge della Partitocrazia Italiana, questo significa che i capi redattori sono condizionati a prendere per buone le notizie di dati economici Istituzionali, Sociali e Economici, dai portavoce e rappresentanti della Partitocrazia Italiana, trasmettendo in tutte le reti, programmi d’intrattenimento demenziali, con un irreale ed ossessionante pubblicità.

 

·        Il Potere Disinformativo della Rai, Mediaset e carta stampata è condizionato dal Potere Partitocratico, per una legge favorevole che consente l’obbligo del pagamento del canone radiotelevisivo e di detrarre fiscalmente la spesa per la pubblicità e sponsorizzazioni entro l’anno di fatturazione,commissionata dal Potere Economico Industriale Finanziario, necessaria a coprire i Bilanci di Spese Generali dei costi contrattuali del settore, per circa un totale di 40 mila Giornalisti, Presentatori e Dipendenti.

 

·        Il risultato che Cittadini Italiani finanziano la disinformazione, con l'acquisto dei prodotti al consumo, aumenti delle tariffe sulle bollette, costo del denaro, contratti mutui, assicurazioni e dei pedaggi, posteggi, multe ed in ultimo con il risparmio investito dei titoli quotati nella Borsa Italiana.

 

·        La Partitocrazia Italiana accusandosi reciprocamente dell’immobilismo e crisi economica recessiva, con le repliche delle controrepliche, improvvisano promesse di riduzioni fiscali ed aumenti retributivi, ma evitano d'evidenziare il reale sistema disastroso economico parassitario speculativo, il tutto accompagnato da irreali spot pubblicitari.

 

·        La pubblicità Radio Televisiva della Rai e Mediaset trasmessa ogni 16-18 minuti, con programmi fotocopia dei rispettivi palinsesti, sottoculturali detti spazzatura, perché non possono presentare una realtà Sociale fatta d’ingiustizie o inadempienze Istituzionali, Sociali ed Economiche, con risposte al massimo di tre minuti, intervallate da spot, notiziari ripetitivi e musichette, inoltre attuano forme sistematiche di allarmismo sulle produzioni delle Aziende Italiane, mettendo in crisi l’economia, creando disoccupazione nel Nostro Paese.

 

·        La Partitocrazia Anarcofascista esercita il potere con la Disinformazione nel trasmettere le inchieste, con dibattiti tra i Disinformatori radiotelevisivi e quotidiani, i Padroni dei Partiti, le menti vendute dei cosiddetti Economisti, presentando una limitata realtà di disagio ed ingiustizie, facendo credere che conoscendo i problemi Sociali ed Economici, dopo risolveranno i problemi, mentre il dibatto privo della presentazione di tutti dati reali di Bilancio Economici e delle Informazioni Sociali, senza i Delegati dei Diritti Civili dei Cittadini Italiani, che possano interloquire liberamente, diviene un dibattito a senso unico ed insufficiente a indicare le reali responsabilità e presentare una proposta particolareggiata, perciò la trasmissione viene usata come pubblicità personale ai componenti della trasmissione, restando tutto come o peggio di prima, beffando i Cittadini Italiani.

 

·        La Partitocrazia Italiana manifesta propria limitatezza sul conflitto artificioso delle due Coalizioni di Partiti, la Coalizione definita di sinistra, dopo la mattanza delle Industrie Italiane senza difenderle, come la cogestione Socialdemocratica alla Tedesca, che tutela e crea occupazione e reddito, che apparentemente con reiterate promesse vuole rappresentare la tutela del ceto medio debole, delle Istituzioni Pubbliche ed Attività Private minori e della cooperazione, in realtà rappresenta le lobby di un sistema economico di Grandi Cooperative di Costruzioni Infrastrutturali, Edile, Commerciali, Assicurazioni, Banche ed Industrie Italiane, per garantirsi i finanziamenti trasformatosi in Partito Azienda di sinistra.

 

·        La Coalizione di Destra propugna la libertà imprenditoriale, per mantenere le proprietà dell’etere radio televisivo ed utili finanziari dalla pubblicità, in cambio di un finto conflitto ideologico politico, tradotto a livello Nazionale in forma di Partito Forza Italia, con una buona fede iniziale, il conflitto d’interessi e diventato macroscopico ed evidente, dall’aumento enorme del capitale economico finanziario, rispetto a quello iniziale all’entrata in Politica e Governo del Paese, ma diviene malafede e dittatoriale, quando viene usata per aumentare il consenso elettorale, con la solo tutela  degl’interessi dei strati sociali elevati e ceto medio agiato rimasto, che hanno e ottengono grandi favoritismi economici retributivi e fiscali e disconosce l’altra metà dei Cittadini Italiani del Nostro Paese.

 

·        Il risultato finale di 60 anni di storia Partitocratica Italiana le Regioni del Nord in declino Sociale ed Economico, il Sud una rassegnata endemica decadenza e in alcune zone dilaga la delinquenza organizzata, inoltre abbiamo la divisione in due ceti sociali, formato da 30 milioni di persone indigenti, significa Famiglie monoreddito, ghetti per Giovani Italiani senza futuro, Lavoro Precario, Matrimoni precari, Disoccupati, Tossicodipendenti ed Alcolisti di qualsiasi età, Invalidi civili, Pensioni al minimo, Pensioni sociali, ai quali quando vogliono gli Assessorati Comunisti o di Sinistra Padroni di Partito al Governo di Comuni, Province, Regioni e del Paese, concede un sussidio di fame e come l’altra Coalizione di destra, dichiarano che non ci sono le risorse finanziarie, mentre vengono trovate per appalti, che garantiscono il finanziamenti ed il consenso di potere personale.

 

·        Il Parlamento dello Stato Italiano è diventato il mercato delle bugie ed ipocrisia, dimostrato dalla Coalizione di Sinistra, perché il ceto agiato o ceto medio non ha bisogno di promesse, mentre sono rivolte al ceto sociale debole, per strappargli il voto ed avere il quorum per legittimare il potere sullo Stato Italiano, non importa chi vincerà l’elezioni, perché non hanno nessun senso morale e rappresentano lobby Economiche Finanziarie per il  Potere Partitocratico senza nessun rispetto per lo Stato Italiano.

 

·        La Partitocrazia Italiana con le promesse elettorali fanno mercato delle bugie, assurgono a padroni della vita sociale ed economica dei Cittadini Italiani, magnanimamente promettono delle concessioni economiche o detrazioni fiscali, per dopo le elezioni con leggi e decreti sottobanco di continui favoritismi e con seconda tassazione locale o aumento delle tariffe e prezzi al consumo anarchico o con seconda manovra finanziaria tolgono con tutte e due le mani dalle tasche dei Cittadini Italiani.

 

·        La Partitocrazia di sinistra e destra, i Sindacati e Giornalisti dicono disinformando che i Cittadini Italiani sono disoccupati, perché non voglio fare certi lavori, non affermano che prima loro stessi hanno provocato e distrutto l’Economia Industriale Privata Italiana che creava occupazione, che dovevamo fare sciopero con i picchetti, contro i Padroni Sfruttatori, per scoprire che serviva ad avere potere Personale Partitocratico, senza ricordare che ai mercati generali, ai mercati rionali, i muratori, i tinteggiatori, garagisti, lavamacchine, aiuti benzinai, commesse, aiuto baristi, aiuto meccanico, andavano a lavorare i Cittadini Italiani, come gli ex carcerati, disoccupati, giovani che avevano abbandonato la scuola e come lavapiatti nelle trattorie e ristoranti, pensioni, alberghi, donne di servizio, badanti, andavano Ragazze madri, Donne separate con figli, Donne sole, Madre di famiglia, Universitari per pagarsi gli studi, per cui quel lavoro precario nero era una risorsa alla totale emarginazione, adesso sono costretti ad elemosinare sussidi di fame o mantenuti in casa dai Genitori Italiani.

 

·        La verità che l’immigrazione incontrollata in Italia è diventata concorrente ed essendo lavoro nero nessuno lo rivendica, ma tutto serve alla Partitocrazia Italiana a mascherare il fallimento Politico, Istituzionale, Sociale ed Economico, dove i Cittadini Italiani sono diventati poveri stranieri nella loro Patria l'Italia

 

·        Nel Nostro Paese dopo 60 anni la disinformazione della Partitocrazia Italiana, i Sindacati, i Giornalisti, mascherano il fallimento della gestione economica, del Nostro Paese recitando la loro parte sul lavoro precario, ma hanno legiferato con incentivazione economica sulla retribuzione i Dipendenti e Dirigenti in età pensionabile di restare al lavoro, precludendo l’ingresso dei Giovani Italiani al lavoro con tempo indeterminato e mascherare un altro fallimento ben più grave la gestione del fondo pensionistico INPS.

 

·        I Partiti di sinistra dicono che il lavoro precario non è legale, non è giusto, occorre dare sicurezze, i Partiti di destra è giusto che un dipendente non resti in un posto di lavoro per tutta la vita, il datore di lavoro non può sposare a vita un dipendente, che bisogna fare esperienze, aggiornamenti professionali.

 

·        Occorre ricordare che nel periodo della massima occupazione 1965-1980 i dipendenti cambiavano spontaneamente l’Azienda in cui erano Dipendenti, perché contava ancora la professionalità e chi non né ha è giusto che si tenga stretto il lavoro presso l’Azienda in cui è Dipendente.

 

·        La verità non essendoci Industrie ed un numero elevato di disoccupati, con la concorrenza dell’immigrazione incontrollata, suddividono i periodo di lavoro e quando e possibile commettere il reato d'evasione fiscale e previdenziale, per quei contratti di pochi giorni a pochi mesi, in particolare per gli immigrati, non essendoci controlli nella miriadi di agenzie interinali e datori di lavoro.ù

 

·        La liberalizzazione del mercato tanto decantata, con la recessione economica é la suddivisione di un reddito in più redditi e senza controllo e un maggiore impoverimento delle categorie sociali ed economiche, dimostrando ulteriormente l’anarchia ed incapacità di Governare il Paese della Partitocrazia Italiana, perché abbiamo abbassato il reddito procapite, aumentano l’evasione fiscale e contributiva pensionistica.

 

·        Nel Nostro Paese dopo 60 anni la Partitocrazia Italiana ha fallito la politica verso i Giovani Italiani, perché dopo il periodo d’Istruzione restano senza una reale preparazione professionale, perché la ricerca scientifica e tecnologica mondiale viaggia a tempi 10 anni più veloci, rispetto ai nostri programmi didattici scolastici e professionali, inoltre senza insegnamento sul funzionamento dello Stato Italiano a livello Istituzionale, Sociale ed Economico, che consenta partecipazione, cogestione, per orientarsi alla professione e crearsi l’opportunità occupazionali.

 

·        Nel Nostro Paese dopo 60 anni i Giovani Italiani vedono svanire tutte le aspettative, quando assunti con lavoro interinale di qualche mese, il Datore di lavoro che non paga i contributi come benefici di legge per apprendisti, gli offrono lavoretti marginali, la bravura e professionalità, non contano salvo casi eccezionali, perché il numero dei disoccupati è enorme, mentre le dimensione occupazionali delle Attività Economiche sono piccole, per il 90% sono inferiore a 10 dipendenti e periodi di lavoro secondo i cumuli di lavoro, le attività prevalentemente artigianali, commerciali e distribuzione commerciale.

 

·        La Partitocrazia Italiana, Sindacati, Giornalisti, disinformano e criticano, non vogliono lavorare, sono signorini, l’occupazione è aumentata, mentre due mesi prima era diminuita, come se non fossero le conseguenze del loro fallimento, dell’arrivismo al Potere Personale Partitico sullo Stato Italiano avendo creato un Sistema Istituzionale ed Economico parassitario speculativo.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni dati reali, le attività economiche sono composte dal 10% dalla Grande Industria, che per sopravvivere ha delocalizzato il 90 % delle produzioni, mentre l’altro 90% delle attività economiche sono composte da piccole aziende con un numero inferiore a10 Dipendenti, potremmo dire a conduzione semifamiliare.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni, le Coalizioni Partitocratiche di destra e sinistra non hanno il controllo dei dati economici di Bilancio preventivi e consuntivi, sulla spese Pubblica e Privata, inoltre la Corte dei Conti, la Ragioneria dello Stato senza dipendenti sufficienti non controlla, ne verifica tutti i dati di spesa pubblica e fatture degl’Appalti Pubblici, delle Attività Economiche private, Banche, Risparmio gestito, Borsa, leggi fiscali con favoritismi di alcune categoria o evasioni ed elusioni fiscali, che motiva solo in Italia una legge blanda ed interpretativa sul falso in bilancio, come possiamo credere all’equità fiscale ed ai dati elettorali che siano veritieri.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni dati reali il 90% dei negozi vendono prodotti stranieri con scarsissima qualità, con tecnologie tarde di 10 anni a bassissimo costo all’importazione, con prezzo di listino quintuplicato alla vendita.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni dati reali abbiamo circa cinque milioni di persone in ampie zone sul territorio Italiano di nuove forme di sottocultura di microcriminalità violenta e quasi una rivolta strisciante incontrollata.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni dati reali abbiamo 200 mila filiali Bancarie con costi dei servizi elevatissimi, parassitari e speculativi, nonostante la necessità obbligata a depositare la valuta, come risparmio e utili d’attività economiche.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni dati reali abbiamo 50 mila Agenzie di assicurazione, nonostante sia obbligatoria, che costringono ad un aumento costante dei costi dei contratti annuali assicurativi.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni ha la Bilancia dei Pagamenti con l’Estero da 20 anni in costante passivo.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni, investe per la Ricerca Scientifica e Industriale solo 2 % del PIL all’anno, ed i risultati di anni di Ricerca Scientifica e Industriale, occorre altri 10 anni per la ricerca delle risorse economiche o Industria che produca le innovazione di ricerca, significa che lo Stato Italiano spende risorse economiche per preparare Giovani Italiani, che dopo la laurea vanno a lavorare per centri di ricerca ed industrie dell’estero, perché hanno solo precariato occupazionale e nessun futuro lavorativo sicuro in Italia.

 

·          Il Nostro Paese dopo 60 anni non abbiamo un progetto e sistema di risparmio energetico Nazionale, con un aumento continuo anarchico delle bollette del gas, energia elettrica, telefono, con aumento del debito della Bilancia dei Pagamenti con l’Estero, per motivi di occulti finanziamenti ai Partiti Azienda, con un falso motivo ecologico, usato per motivi elettoralistici, tanto il prezzo dell’aumento delle bollette lo pagano i Cittadini Italiani.

 

·          Il Nostro Paese dopo 60 anni ha un’Istituzione Giudiziaria, con fondamenti dell’ordinamento ancora fascisti divenuto Potere Inquisitorio, impiega un minimo 12 anni per la sentenza definitiva di risarcimento danni, senza che il condannato subisca la certezza della pena detentiva in carcere, significa che le persone indigenti vanno in carcere, le persone con risorse economiche truffate, vanno agli arresti domiciliari, per cui commettere un reato diviene conveniente, anche per i Magistrati, Giudici, Avvocati, perché i Tribunali Italiani sono diventati il mercato della compravendita delle archiviazione, dei capi d’imputazione e delle decisioni finali prese dai Giudici.

 

·          L’assurdità che il Potere Disinformativo, oltre ad incensare il Potere Inquisitorio, lo presenta capace di risolvere i problemi Politici, Sociali ed Economici del Nostro Paese, mentre occorre ricordare che interviene sempre dopo che i reati sono stati già commessi e spesso le denunce archiviate, perché prima i Cittadini Italiani devono subire i reati, dopo con una sentenza di morte a tempo o morire ammazzati per aprire Inchieste Giudiziarie, che dimostrano il ritardo decennale dell’intervento del Potere Inquisitorio, per dopo avere i pentiti delatori, che non dicono mai tutta la verità sulle protezioni in anni di reiterazioni di reati spietati, per dopo avere in molti casi il carcere alternativo e pagati con la protezione dello Stato Italiano, quando un Cittadino Italiano riceve veramente Giustizia, potremmo considerarlo un miracolato.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni abbiamo 20 Partiti Nazionali e 40 Regionali, ma i Cittadini-e Italiani-e non conoscono il Bilancio di entrate finanziare di ogni Partito Italiano, quello finanziato dallo Stato Italiano, quanto finanziato dall’Aziende Private, Industrie, Finanziarie Bancarie, Cooperative, il numero dei Dipendenti dei Partiti, per comprendere le loro lobby e quali reali interessi tutelano, con la legge interpretativa del falso in bilancio, favoritismi di leggi che consentono elusioni, evasioni ed assenza di controlli fiscali.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni i Padroni dei Sindacati Partito Italiani delle categorie Attività private, dopo aver aiutato alla Partitocrazia di Sinistra di raggiungere il Governo del Paese, distruggendo la competitività interna ed Internazionale delle Industrie Italiane, hanno avuto in premio il posto di lavoro Istituzionalizzato nello Stato Italiano, con uffici per il Caf, per la dichiarazione dei redditi, la compilazione della domande dei sussidi di disoccupazione,con forme di consulenza ai Cittadini-e Italiani-e, che hanno reso prima disoccupati, domande di pensione, per sopraggiunta età o invalidità civile e lavoro, ma non svolgono più la reale funzione di tutela dei contratti nazionali di lavoro ormai scomparso, alla tutela del lavoro con contratti a tempo indeterminato, alla tutela dei livelli occupazionali, ai Lavoratori nell’Industria Privata quasi scomparsa.

 

·        Occorre ricordare un periodo storico del Nostro Paese, quando la Confindustria Italiana, proponeva come in Germania la cogestione delle Industrie, la proposta venne rifiutata dai Sindacati Partito Italiani di sinistra, oggi mantengono la rappresentanza, perché devono firmare i contratti di rivendicazioni retributive settoriali di categoria, ma questo diviene anche una giustificazione di anarchia rivendicativa, perché sono stati scavalcati dai Sindacati di base, inoltre serve a privilegiare le retribuzione della Classe Dirigente Istituzionale e Privata, e categoria con maggiore potere ricattatorio rivendicativo.

 

·        Nel Nostro Paese abbiamo Amministratori delle risorse finanziarie pubbliche e private, amministratori della giustizia, come Parlamentari, Assessori, Consiglieri, Magistrati, Dirigenti Istituzioni, Enti pubblici, Dirigenti Municipalizzate, Dirigenti privati, che autodecidono gl’aumenti retributivi divenendo una spesa parassitaria, non rispettando la Sovranità Popolare dello Stato Italiano, dovrebbero  presentare i programmi di Bilancio preventivi di spesa e dei Bilanci consuntivi di Spesa ed Entrate Annuali Istituzionali, Sociali, Economici.

 

·        Il risultato i Cittadini-e Italiani-e, non possono individuare i responsabili dell’impossibilità d’erogare a tutti le pensioni di lavoro e vecchiaia, salvo ritardare l’età pensionabile, i Cittadini-e Italiani-e non possono attribuire le responsabilità delle disuguaglianze con due ceti sociali ed economici, i Cittadini-e Italiani-e non possono attribuire la responsabilità della mancanza del diritto al lavoro e di un reddito, salvo che la Partitocrazia Italiana attribuiscono vicendevolmente le responsabilità, mentre l’amministrazione giudiziaria trova nei Cittadini-e Italiani-e delinquenti comuni ed organizzazioni criminali, gl’unici da sanzionare e recludere, salvo il rimorso con indulto ed amnistia.

 

·        Nel Nostro Paese gl’Amministratori delle Aziende private di prodotti al consumo delocalizzano le produzioni all’estero, anche le commesse appaltate dello Stato Italiano, per la concorrenza della manodopera dei Paesi Asiatici con regimi totalitari comunisti o cosiddetti in via di sviluppo del lavoro nero, che producono ed esportano merci a bassissimo costo, provocando disoccupazione e la riduzione del potere d’acquisto, con la conseguente perdita del Commercio Nazionale del Made in Italia.

 

·        Il Nostro Paese dopo 60 anni, la Partitocrazia Italiana ha diviso in due ceti sociali agiati e poveri, perché non esistono Industrie, la disoccupazione ed indigenza diventata endemica nei larghi strati sociali e del Territorio Italiano, che provoca ribellioni con forme di delinquenza diffusa, per la sopravvivenza, altrimenti significa reddito zero o morte sociale o sussidi economici di fame, concessi una tantum, senza nessuna tutela dei Dritti Civili di rivendicazione sociale e giuridica in caso di inadempimenti nell’erogazioni da parte degl’Assessorati ai Servizi Sociali.

 

·        Questo conduce i Giovani, i Disoccupati, ex detenuti a suicidi lenti ed inesorabili da Celebroletali ed alcolismo, come forni crematori e cielo aperto, questi ghetti sociali sono invisibili dalla Partitocrazia Italiana e Potere Informativo, sono la percentuale del 20% dei non votanti dissidenti, che serve a perpetuare il Potere del nuovo Regime Anarcofascista Partitocratico

Questa dovrebbe essere la seconda Repubblica Italiana, mentre i Partiti Aziende Italiane, che considera un diritto d'impunità indiscutibile di finanziarsi lecitamente ed illecitamente, con corruzione dilagante a livello Politico, Istituzionale ed Economico Finanziario speculativo, con continui trasformismi e cambio di nome in Partito Democratico e Partito Moderati o delle Libertà, per evitare controlli e trasparenza dei Bilanci di Spesa ed Entrate, fiscali della vecchia gestione, sulla quantità e provenienza lecita ed illecita dei finanziamenti ed eventuali versamenti contributivi fiscali e contributivi previdenziali, considerandosi indispensabili e insostituibili, con gli stessi Padroni dei Partiti Azienda e lasciare tutto purtroppo peggio di prima.

La Partitocrazia Italiana Anarcofascista dovrebbe ammettere pubblicamente i propri errori Politici, Sociali ed Economici, perché i Nostri Giovani Italiani, non hanno certezze in nulla, cancellati tutti i valori morali, sulla Famiglia, i figli, il lavoro, l’amore per la vita, il rispetto per gli anziani, per gl'atri, ma soprattutto l’assenza nell’insegnamento a non demandare a non dipendere, ma a Partecipare a Cogestire, alla ricerca autonoma di creazione dell’attività che consenta l’indipendenza economica.

Occorre domandarsi come può la Partitocrazia Italiana far rispettare un Programma di Governo, con 1000 Parlamentari dove all’interno stesso della Maggioranza di Governo ed Opposizione non sono d’accordo su nulla, per motivo di visibilità elettorale personalistica, inoltre per la frammentazione dei periodi elettorali in media, ogni anno cambiano le coalizioni dei Governi delle varie Regioni, Province e Comuni, Amministrati dai Partiti d’opposizione, per cui non avendo approvato tutti il Programma di spesa del Governo Centrale, non si sentono in dovere di rispettarlo, facendogli perdere consenso elettorale, inoltre abbiamo l’incognita delle varie scadenze dei contratti d’adeguamenti retributivi, l’incognita dell’aumento dei prezzi delle materie prime del petrolio e gas, che giustifica conseguenti aumenti ingiustificati ed incontrollati delle tariffe e prezzi al consumo, che hanno ridotto della metà il potere d'acquisto della retribuzione dei Dipendenti Pubblici e Privati e Pensioni dei Cittadini Italiani.  

EVOLUZIONI IDEOLOGICHE POLITICHE SOCIALI ED ECONOMICI

LIBERALISMO

Il Liberalismo è confuso come creatore del Capitalismo dai Partiti di Sinistra, mentre è la libertà di evolversi culturalmente, di ideare ed imprendere, ma non può tradursi a sistema politico economico, perché l’evoluzione personale nella vita sociale, non e uguale per tutti.

CAPITALISMO

Il Capitalismo è l’accumulo di risorse valutarie, ottenute con attività Bancarie Finanziarie speculative, con attività Industriali Produttive e Commerciali ed ottenute illecitamente dalla Narcomafia, con i proventi dalla vendita su larga scala delle sostanze Cerebroletali, risorse valutarie enormi riciclate nelle attività Finanziarie ed Industriali.

La storia degl’Esseri Umani è continua evoluzione sociale ed economica, il valore delle monete e legato alla necessità di scambi commerciali per avere risorse energetiche e materie prime.

La soluzione del problema energetico e approvvigionamento delle materie prime, metterà fine al consumismo sfrenato, la sovrapproduzione e saturazione del mercato ed avremo una società intellettuale evolutiva, ma affermare in anticipo il periodo post Industriale, per comodità dei Partiti di sinistra e destra è mascherare un fallimento Politico, Istituzionale, Sociale ed Economico, dall'evidente crisi recessiva irreversibile, favorendo proprio il Capitalismo Bancario Finanziario speculativo con l'accelerazione della capitalizzazione valutaria. 

Il Capitalismo delle Multinazionali trasferiscono le loro produzioni e commercializzazioni di prodotti al consumo, costruiscono e vendono armi, consegnandole alle Partitocrazie Mondiali destra e di sinistra, che consentono di sfruttare la manodopera per i bassi salari ed usano i bambini e anziani per la guerra. Il Capitalismo Bancario Finanziario speculativo, Multinazionali e Narcomafia,  per perpetuare l'accumulo valutario, usa la corruzione con  privilegi economici personalistici e finanziamenti alle Partitocrazie Mondiali di destra e di sinistra, come conseguenza l'incapacità politica nei Governi Nazionali e parimenti responsabili e causa della povertà Mondiale del Genere Umano.

Il Capitalismo attuale sopravvive con la speculazione sui Titoli Quotati in Borsa, perché è finita la crescita economica interna, negli Stati Uniti, Europa e Giappone, basata sull'accumulo di capitale valutario con gl'utili dalla commercializzazione dei prodotti industriali o sulle tariffe sull'erogazione della telecomunicazione, gestori erogazione energia e servizi bancari e finanziari, con evidente inesorabile recessione economica, per la concorrenza della Cina, India e sudest Asiatico e relativi Titoli Quotati delle società con prodotti commerciati a bassissimo costo, che hanno dei sussulti di enormi perdite finanziarie del risparmio gestito, che superano i grandi guadagni, perché condizionati dalla lenta e costante emancipazione e rivendicazioni dei Diritti Civili della Popolazione Asiatica, Cinese ed Indiana, le perdite finanziarie speculative sono coperte prevalentemente dai piccoli e medi investitori, con costante impoverimento dei redditi, disoccupazione e spostando le povertà delle Popolazioni a livello Mondiale. 

COMUNISMO

Il Comunismo è nato da un’idea di Carlo Marx che identifica nel Capitalismo la causa della povertà, come principio è vero, ma occorre pensare al periodo e contesto sociale e culturale in cui è stato sviluppato il concetto, perché i Cittadini Europei non avevano la preparazione culturale, ne strumenti rivendicativi, né informazioni, ne protezioni sociali dallo Stato Nazione.

Il Comunismo è stato una scorciatoia imposta in modo violento all’evoluzione naturale intellettuale, politica, sociale ed economica del Genere Umano, come stimolo di partecipazione, senza imposizione sul loro tenore di vita, con dipendenza dai Padroni del Partito Comunista per avere un reddito, divenendo la copia peggiore dei Padroni Privati, ammantati da ideologismo, che produce appiattimento del livello sociale e culturale, come crescere in allevamento a batteria Esseri Umani.

I Partiti Comunisti prendono a prestito ideologico Carlo Marx, l’egualitarismo sociale ed economico, per mascherare la ragione vera d’incapacità personale e del complesso d’inferiorità, verso coloro che hanno meriti sociali ed economici sulla base di capacità professionale di creare un’attività, occupazione e reddito, dimostrando che le differenze delle retribuzioni e potere d'acquisto sulla base della meritocrazia e delle responsabilità Istituzionali ed Economiche  sono di stimolo all'Evoluzione degl' Esseri Umani.

Il crollo del Regime Comunista dell'Unione Sovietica è dovuto alla scarsa produttività agricola e industriale della popolazione Russa e Paesi dell'Est Europeo annessi, per cui il Regime Sovietico era costretto ad importare derrate alimentari e tecnologie industriali, scambiate con le risorse minerarie e materie prime, non essendo in grado di gestire l'Economia dell'Unione Sovietica, che ad onore del vero il Comunismo Sovietico aveva di positivo, la garanzia di un reddito minimo e la stabilità del potere d'acquisto a tutti i Cittadini dell'Unione Sovietica.

L'ipocrisia ideologica trasformista di potere politico e personalistico dei Partiti di sinistra Italiani, che hanno usato ed  usano ogni mezzo politico, sindacale, dismissioni finanziarie bancarie e giudiziario, per impedire la meritocrazia imprenditoriale, costringendo alla chiusura di quasi tutte le grandi Aziende Italiane ed Europee, che non può essere confuso con il Capitalismo Finanziario Speculativo, in ultimo aprendo alla concorrenza sleale dei prodotti provenienti dalla Cina, Paesi Asiatici, che con la privatizzazione delle attività dei Servizi Bancari ed Erogatori Energia hanno favorito proprio l’accelerazione del Capitalismo Multinazionale Bancario Finanziario Speculativo, che finanzia la perpetuazione del loro Potere Personale Partitocratico Anarcofascista, con false promesse politiche programmatiche, che impoveriscono i Cittadini Italiani e lo Stato Italiano. 

COMUNISMO DELLA REPUBBLICA CINESE

Il Comunismo della Repubblica Cinese e la dimostrazione dell'ipocrisia ideologica, perché lo sfruttamento è spesso una necessità alla sopravvivenza degli Esseri Umani, trasformandola in occasione di sviluppo economico, perché hanno visto la morte per fame impersonificata.

Il regime è chiamato Partito Comunista Capitalista Cinese, perché le Multinazionali, Imprenditori Stranieri e Cinesi, sfruttano con salari di fame, i bambini e donne ed anziani lavoratori Cinesi, senza garanzie occupazionali, protezione dell'ambiente, senza sicurezza sul lavoro, igiene e qualità dei prodotti a bassissimo costo al consumo nella Globalizzazione dei Mercati.

L’evoluzione sociale ed economica della Repubblica Cinese trasformerà la rigidità del Partito Comunista Stato, dove il Politico sarà scelto ed eletto dal Popolo Cinese sulla base della capacità di Governare il Territorio assegnato, con ricambi generazionali nel tempo repentini sino a raggiungere una Giovane Classe Dirigente competente e preparata alla gestione di grandi numeri Umani ed Economici.

La parsimonia economica del Partito Comunista Cinese, è una necessità interna per una popolazione di un miliardo e trecento milioni, con due euro e mezzo di reddito al giorno non concede grandi consumi interni.

Gli scambi e contratti commerciali sono parsimoniosi e valutati dal Partito Comunista di Governo Cinese, secondo la potenza economica e materie prime da interscambiare con altre Nazioni, i Brevetti, le produzione, le tecnologie sono clonate e con la Globalizzazione dei Mercati, spediscono innumerevoli quantitativi a bassissimo costo di prodotti al consumo ed alimentari, senza le norme di sicurezza ed igiene.

La Globalizzazione dei Mercati a senso unico, comporta, il mancato sviluppo sociale ed economico interno, significa che prima il Partito Comunista Cinese deve fare coerentemente una politica dei redditi interna, per aumentare i servizi sociali, occupazione, sicurezza sul lavoro, salvaguardia dell'ambiente, come Sviluppo Sociale ed Economico della Popolazione Cinese. 

SOCIALISMO

Il Socialismo è ideologicamente inteso, oltre a Governare la Politica, vuole gestire una parte dell'economia Nazionale, ma come tutte le Partitocrazia per espandere il consenso elettorale, attua una concorrenza sleale sulle tariffe e prezzi al consumo, concedendo la sopravvivenza delle attività economiche private affidamenti finanziari, con in cambio finanziamento al Partito Socialista o tutela di lobby, nei fatti diviene un'economia sotto il controllo della Partitocrazia Nazionale.

SOCIALDEMOCRAZIA EUROPEA

La Socialdemocrazia è applicata in alcuni Paesi Europei la Svezia, l’Olanda, la Danimarca e la Germania, significa la cogestione delle attività Istituzionali, Sociali ed Economiche. La Germania dell’Ovest era il più ricco dell’Europa, dopo con l’unificazione, della Germania dell’Est è stata costretta ad espandere la spesa pubblica, per una crisi economica spaventosa, per investimenti economici industriali e sostegno al reddito dei disoccupati Cittadini Tedeschi dell’est.

La Socialdemocrazia con la cogestione crea sviluppo economico, perché è una forma di partecipazione e controllo, ma lo sviluppo e limitato e rallentato dalle due Coalizioni Conservatrice e Progressista, che difendono il loro Potere Personale Partitocratico.

SISTEMA POLITICO ECONOMICO DEGLI STATI UNITI D’AMERICA

I Partiti della sinistra consideravano gli Stati Uniti la patria del Capitalismo, occorre ricordare che ha una storia di 200 anni, la maggiore attività è la Ricerca Scientifica ed Industriale, applicativa produttiva e commerciale, inoltre hanno avuto l’umiltà di accogliere i migliori Scienziati perseguitati dalla Partitocrazia Europea, con un sistema fiscale che incentiva investimenti produttivi e poco speculativi, hanno un gran mercato interno autonomo commerciale.

I Giovani sono preparati all’Istruzione pratica, all’indipendenza sociale ed economica anche legislativamente, dopo il 18 anni d’età i genitori non hanno più obblighi verso i figli. I Giovani studiano s’impegnano per imparare una professione o un’attività produttiva o commerciale, reperendo le risorse economiche nelle Banche d’Affari partendo dalle idee e progetti.

Gli Stati Uniti sono governati alternativamente da due Coalizioni i Democratici considerati progressisti e Repubblicani considerati conservatori, con elezione diretta dei Governatori e Presidente degli Statiti Uniti, le due coalizioni di partiti politicamente non possono modificare l’impianto Istituzionale Sociale ed Economico, che ha un sistema che crea sviluppo economico ed occupazione e distribuzione del reddito.

I Candidati Politici come Governatori e Presidente degli Stati Uniti, per essere conosciuti e visibili nella campagna elettorale nella radio, televisione, quotidiani e riviste, necessitano d’investimenti cospicui, per cui l’elezione diretta del candidato ha il maggiore difetto di tutte le Partitocrazie del consenso, perché in Politica Estera la Partitocrazia delle due Coalizioni deve pagare il prezzo alle Multinazionali degl'armamenti e prodotti al consumo, che hanno finanziato la campagna elettorale e senza volerlo il Popolo Americano si ritrova in guerra diretta o indiretta con un’altra Nazione, per consentire ad un Partito o nuovo Regime amico di conquistare il Governo del Paese, per comunanza d’interessi egemoni di reperimento delle materie prime o egemonici commerciali. Occorre non confondere la critica alla Partitocrazia Americana, con la stima e ammirazione verso il Popolo degli Stati Uniti d’America.   

PARTITOCRAZIA ITALIANA

La Partitocrazia Italiana del consenso programmatico, ha una forma dittatoriale interna, con un’oligarchia divenuta Padroni dei Partiti Azienda, perché ormai dipendono per finanziarsi e rappresentano gl’interessi delle lobby d'interessi Istituzionali, Attività Private e Banche finanziarie speculative.

I Cittadini Italiani concedono il consenso politico sulla base di promesse d’attuazione di programmi legislativi di riforme Istituzionali, Sociali ed Economici, costretti a  votare secondo i candidati dei Padroni dei Partiti, che significa demandare la tutela dei propri interessi sulla famiglia, il lavoro, il reddito e la pensione.

La Partitocrazia Italiana imita e scimmiotta la Partitocrazia America per avere legittimità di potere, con una foto manifesto e simbolo di partito, con dibattiti ridicoli di contradditori e promesse al rialzo, con spot pubblicitari fatto di slogan assurdi per ottenere consenso elettorale, che con repentini trasformismi ideologici tenta d’imitare il sistema politico economico degli Stati Uniti Americano, per opportunismo e mascherare il fallimento economico palese, perché l’Italia è una piccola penisola che non ha la grandezza del Territorio degli Stati Uniti, non abbiamo le loro risorse di materie prime, non abbiamo il loro numero d’abitanti, non abbiamo i loro contratti di lavoro, il loro sistema sanitario, il loro sistema pensionistico, il loro sistema fiscale, non abbiamo il numero e le dimensioni delle loro industrie, non abbiamo la loro dimensione di mercato commerciale, senza materie prime, senza risorse energetiche, rimasta con solo cinque grandi industrie esportatrici.

La Partitocrazia Italiana, maschera la realtà con un’irreale pubblicità ossessionante, il loro fallimento Politico, Sociale ed Economico pubblicamente, senza responsabilità civile, penale e morale nei confronti dei Cittadini italiani, perché dopo 60 anni abbiamo drammaticamente 30 milioni di persone indigenti, significa Famiglie monoreddito, ghetti per Giovani Italiani senza futuro, Lavoro Precario, Matrimoni e Famiglie precarie, Disoccupati, Tossicodipendenti ed Alcolisti di qualsiasi età, Invalidi civili, Pensioni al minimo, Pensioni sociali. Il dramma maggiore è che il sistema Bancario Finanziario speculativo è una voragine che volatilizza le risorse valutarie dei piccoli e medi risparmiatori, con la certezza della perdita dei diritti acquisiti sui redditi mensili e pensionistici, invasione dell'immigrazione, preparando marcate divisioni sociali di miseria dei Cittadini Italiani.

I Paesi Europei e gli Stati Uniti assentono al servilismo della Partitocrazia Italiana Anarcofascista, perché hanno studiato strategicamente la nostra incapacità politica, con poca ricerca scientifica e industriale, poca industria e commercializzazione, significa una nostra minore concorrenza internazionale e spazi commerciali ai loro prodotti, interessi sicuri sull'emissioni di BOT e CCT acquistati della Banche Finanziarie speculative Internazionali, mentre l'Italia il Nostro Meraviglioso Paese diventa più piccolo e più povero, con la Globalizzazione Mondiale.

LA CONQUISTA DEL POTERE POLITICO, CON IDEOLOGIE E VIOLENZA,

NON DEVE PREVALERE SULLA RAGIONE E DIRITTO ALLA VITA

 

DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA PARTECIPATIVA E COGESTIONE DELLE CATEGORIE

ISTITUZIONALI SOCIALI ED ECONOMICHE DI SVILUPPO ECONOMICO EVOLUTIVO

PACE     LAVORO            GIUSTIZIA    LIBERTÀ

     

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\Back.jpgDescrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\attivita2.jpgDescrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\Home.jpgDescrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\Next.jpg

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\sf.jpg

Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: Descrizione: E:\Documenti\Vari\SITO\Images\df.jpg